Il mio primo decimo di Gmail

Ciao a tutti,

il post che segue è un post di festeggiamento perchè, proprio stasera, mi sono accorto di aver occupato il mio primo 10% di spazio messo a disposizione per la posta da Gmail.

Il mio primo 10% di Gmail

Il mio primo 10% di Gmail

Sono passati ormai più di tre anni dal mio switch verso la webmail più famosa del mondo,  la mail di benvenuto dell’account è infatti datata 29/10/2006, e dopo aver attivato praticamente a turno tutti i plugin e applicazioni labs possibili-immaginabili, mi permetto qualche considerazione.

Gmail è diverso

Queste sono le prime tre parole che Gmail mi rivolgeva, dandomi il benvenuto nel suo mondo. Questo infatti era l’oggetto della mail di benvenuto che mi trovai nella casella al primo accesso. Era vero: Gmail era diverso. Era la prima applicazione web a rivaleggiare con le rispettive applicazioni desktop, offriva un sacco di spazio, era l’unica webmail “aperta”: possibilità di scaricare posta da altri account, con qualsiasi connessione, con qualsiasi provider, da qualsiasi pc. Ai tempi utilizzavo Libero che, simpaticamente, non permetteva di ricevere mail se ci si connetteva con altro ISP. Lo spazio era irrisorio, i tempi di attesa per ricevere una mail biblici. Gmail era diverso.

Gmail ha cambiato il concetto di mail…e non solo

Lo slogan è vero. Mai prima si era avuto tanto spazio online a disposizione per la proprio posta ed una tale qualità funzionale in un servizio fruibile da web. In Gmail sono sempre stati riassunti tutti i concetti che adesso tutti noi pseudo esperti di web abbiamo sulla bocca:  cloud computing,  collaboration, applicazioni remote. E proprio da Gmail e il suo sviluppo continuo Google trae puntualmente spunto per le sue rivoluzioni, Wave ne è una prova.

Insomma per ora non faccio altre considerazioni, anche perchè ho in serbo un super-dossier sull’evoluzione del concetto di mail dai vecchi Notes ad oggi…insomma ora e per sempre: viva Gmail!

No comments yet.

Lascia una risposta